Chi Siamo


Cultural Bridge è una nuova realtà nata nel 2012 creata dalla Associazione Culturale Milagro Acustico, dedicata alla World Music, al Folk, al Jazz e alla musica di confine, per la promozione e diffusione della musica d'autore, con l'intento di promuovere il dialogo tra diverse espressioni culturali, al fine di favorire l’integrazione e l’arricchimento reciproco delle comunità e dei popoli a favore di una cultura della pace.  

Cultural Bridge nasce con l'intento di fornire servizi e un punto di riferimento professionale e al tempo stesso amichevole agli artisti che si muovono nell'ambito della musica Jazz, folk, acustica, world e sperimentale.

Abbiamo scelto come immagine di fondo per il nostro sito, Piazza Jemaa el-Fna di Marrakesh, forse la piazza più famosa del Mondo, che da mille anni è crogiuolo di razze, culture, musiche, cibo, punto di incontro e di riferimento, luogo di partenza o di arrivo. Una piazza che non dorme mai e che non è mai uguale a se stessa anche se tutti i giorni e tutte le notti, ospita lo spettacolo della vita. Citando  Juan Goytisolo "Lo spettacolo di piazza Jamaa el Fna si ripete ogni giorno e ogni giorno è diverso. Tutto cambia - voci, suoni, gesti, il pubblico che vede, ascolta, odora, assapora, tocca. La tradizione orale è incorniciata in uno spazio molto più vasto - che possiamo chiamare intangibile. La piazza, come spazio fisico, ospita una ricca tradizione orale e immateriale." Così nel nostro piccolo, abbiamo immaginato Cultural Bridge, come un punto d'incontro fra musicisti e fra quanti operano con onestà in questo ambito per una cultura di scambio e di confronto.



Da oltre venti anni, attraverso il lavoro di Milagro Acustico e di seguito, a quello della associazione omonima, abbiamo cercato di promuovere il dialogo fra gli artisti del bacino del Mediterraneo, interagendo con musicisti migranti, ospitandoli nei nostri concerti e nei nostri dischi o incontrandoli sulla loro terra.

Dal primo disco realizzato nel 1998, abbiamo avuto il piacere e l'onore di collaborare con musicisti provenienti dal Marocco, India, Egitto, Turchia, Iran, Senegal, Tunisia, Siria. Abbiamo creato un ponte con la Turchia realizzando diversi lavori discografici, ultimo dei quali "Sangu ru Poeta - Nazim Hikmet, Ignazio Buttitta poems" (CNI Music 2011) interamente registrato a Roma e a Istanbul, grazie alla collaborazione con l'etichetta turca Muzikal Yapim di Volkan Gucer.

L'obbiettivo più importante raggiunto dalla Associazione, è stato nel 2009/2010 con la realizzazione del progetto Kaleidoscope Europe, finanziato dalla Unione Europea e che ha portato nelle  università turche di Istanbul, Ankara, Mersin e Denizli, 5 formazioni italiane e turche per un totale di 35 musicisti, realizzando oltre 30 concerti e workshop. Il tour ha visto le sue date conclusive al Teatro Palladium di Roma il 6-7-8 Aprile 2010 nell'ambito del prestigioso Roma-Europa Festival e il Cultural Bridge Festival realizzato nel 2013 presso Il centro di accoglienza Baobab. 

Abbiamo voluto creare Cultural Bridge, per proseguire nella  totale indipendenza la costruzione di questo ponte; realizzando i nostri progetti senza intermediazione, producendo e sostenendo il lavoro di quanti ci affiancheranno in questo viaggio.